La ‘nuova’ strada per Mandalay Parte 1^

La ‘nuova’ strada per Mandalay Parte 1^

No! non avrai bisogno di nient’altro

Ma degli odori delle spezie e dell’aglio,

E del sole che splende, e delle palme, e delle tintinnanti campane dei templi;

Sulla strada per Mandalay . . .

“Rudyard Kipling”

Birmania, Birmanie, Myanmar, Burma. Il paese evoca serene immagini culturali e tropicali nella mente del viaggiatore. Quando un amico di Bali mi propose un breve viaggio in Birmania, non ci pensai due volte: richiesi il visto turistico e prenotai un volo nella nuova rotta della Airasia: da Kuala Lumpur a Mandalay.

Myanmar è spesso nelle news oggigiorno. Il suo regime totalitario ha iniziato ad aprirsi al mondo, creando così le prerogative per una crescita senza precedenti, alimentata sia da investimenti internazionali che dall’arrivo di stormi di turisti.

Mandalay in sé mi riportava alla mente le tante volte che ho cercato di immaginarla come un luogo romantico, prima di rendermi conto che Kipling non l’aveva ha mai visitata, che la poesia parlava della nostalgia e del desiderio dell’Impero Britannico per l’esotismo d’Asia, e, infine, che il luogo a quei tempi era tutto fuorché romantico: piuttosto piccolo, sporco e polveroso.

Situata sulle rive del possente fiume Ayeyarwady, Mandalay, città di 800.000 abitanti, la seconda del paese in termini di dimensioni dopo Yangoon, è la capitale dell’ultimo regno birmano indipendente ed è infatti una delle principali destinazioni turistiche della Birmania. Mandalay è rinomata per la sua ricca storia, pur avendo solo 150 anni in un paese di città millenarie, ed è senza dubbio il centro culturale della Birmania. Le sue attrazioni includono viste spettacolari del tramonto da Mandalay Hill, spettacoli di musica tradizionale, artigianato, e incredibili destinazioni nella sua periferia.

Avevo informazioni a sufficenza per la mia breve visita a Mandalay…

Share This

About the author

Thomas has a university background in the UK and in Latin America, with studies in Languages and Humanities, Culture, Literature and Economics. He started his Asian experience as a publisher in Krabi in 2005. Thomas has been editing local newspapers and magazines in England, Spain and Thailand for more then fifteen years. He is currently working on several projects in Thailand and abroad. Apart from Thailand, Thomas has lived in Italy, England, Venezuela, Cuba, Spain and Bali. He spends most of his time in Asia. During the years Thomas has developed a great understanding of several Asian cultures and people. He is also working freelance, writing short travel stories and articles for travel magazines. Follow Thomas on www.asianitinerary.com

View all articles by Thomas Gennaro