Festival degli Ombrelli e dell’Artigianato di Bor Sang e Sankampaeng

Bor Sang

I famosi ombrelli di Bor Sang

Bor Sang, sulla strada statale 1006 in direzione est da Chiang Mai verso Sankampaeng, a soli 6 km di macchina dalla città, fino a poco tempo fa era il tipico e sonnolento villaggio rurale dove si potevano osservare case di legno a due piani, contadini e campi di riso. Nel corso degli anni, gli abitanti dei piccoli vicoli nascosti hanno perfezionato l’arte di fabbricare i più famosi ombrelli del paese con carta fatta dall’albero del Saa (il gelso). Mentre in un primo momento questo era solo un hobby che integrava i guadagni che gli abitanti del villaggio ottenevano dalla coltivazione del riso, con il tempo la produzione di questi ombrelli prosperò. Questo spinse gli abitanti del villaggio, nel 1941, ad istituire una vera e propria cooperativa artigianale, la stessa cooperativa che oggi organizza l’annuale Festival degli Ombrelli e dell’Artigianato di Bor Sang e Sankampaeng.

Il Festival degli Ombrelli e dell’Artigianato di Bor Sang e Sankampaeng si svolge nel mese di gennaio di ogni anno. Questo evento di tre giorni celebra appieno la reputazione del paese come luogo di produzione degli ombrelli più famosi della Thailandia, venduti in tutto il paese. Oggigiorno, turisti provenienti da tutto il mondo visitano il villaggio per osservare il processo di fabbricazione ed il talento necessario per fabbricare un prodotto artigianale interamente da prodotti naturali, nonché per acquistare stupendi e graziosi ombrelli in carta di gelso e seta decorati e dipinti a mano con splendidi motivi floreali e con colori sgargianti.

LA STORIA

Bor Sang

Un momento del festival

È già da oltre 100 anni che il villaggio di Bor Sang è associato con la produzione di ombrelli da carta Saa derivata dalla corteccia del gelso. Secondo la storia locale, un monaco recatosi nella vicina Birmania si imbattè in ombrelli di carta Saa là prodotti, che offrivano protezione dal sole e dalla pioggia. La leggenda narra che tornò poi in patria arricchito della abile tecnica di produzione, e che propose la produzione di ombrelli agli anziani del villaggio di Bor Sang. Questi, col passare del tempo, aggiunsero le proprie capacità artistiche per creare un caratteristico ombrello colorato e molto pratico. Gli abitanti del villaggio, utilizzando la seta ed il cotone intrecciati nella vicina Sankampaeng, aggiunsero infine una seconda linea di ombrelli decorati con le immagini del nord – fiori, uccelli e montagne – il tutto finemente dipinto a mano.

Oggi, il villaggio di Bor Sang esporta sia carta prodotta con la corteccia del Saa che ombrelli di seta e di carta; gli ombrelli di Bor Sang sono oggetti decorativi da regalo ricercati da visitatori provenienti da tutto il mondo. Si possono trovare in occasione di fiere in una varietà di formati, dagli ombrelloni giganti che offrono una copertura dal sole nei giardini, a minuscole variazioni che adornano i cocktails.

IL FESTIVAL

Sono arrivato a Bor San un tardo pomeriggio di sabato, il secondo giorno del festival. Ero già stato a Bor San molte volte in passato, ma vi assicuro che una visita in una giornata qualsiasi non è niente a confronto con il fermento che permea il paese durante questo colorato evento. Ho iniziato la passeggiata in un orario quando ancora non c’era tanta gente, ed ho potuto così apprezzare al meglio le case lungo la strada piene di decorazioni colorate in stile Lanna e illuminate da lanterne fatte a mano. C’erano in mostra letteralmente migliaia di ombrelli abilmente dipinti e di diverse dimensioni, dagli ombrelli più piccoli ai sorprendentemente grandi ombrelloni appesi alle travi ad ornare case e negozi, trasformando Ban Bor Sang in un villaggio a dir poco pittoresco.

Bor Sang

Un’artigiana rifinisce il suo lavoro

Il Festival degli Ombrelli e dell’Artigianato di Bor Sang e Sankampaeng è corredato da un’interminabile fila di banchetti che vendono una varietà di prodotti locali ed artigianali, sfilate di auto che mettono in mostra ombrelli decorati, un festival culinario che serve cibo Khan Toke in stile del nord, con pasti preparati freschi per la delizia del vostro palato, mostre di vita tradizionale paesana e sfilate di bellezza, tra e quali quella famosa di Miss Bor Sang.

Ci sono bande che suonano brevi concerti, danze ed intrattenimento locale sotto forma di una serie di mostre, spettacoli e performance culturali a diverse ore del giorno e della notte, tra cui un concorso per il disegno su ombrello più accattivante dell’anno. Il pubblico è un potpourry di turisti (pochi) e residenti (molti), tutti abbagliati dalle competenze artigianali innovative di Bor Sang. La festa inizia all’ingresso e termina alla fine del paese.

Se siete a Chiang Mai in gennaio, non perdete l’occasione di vedere un evento che rappresenta in pieno l’ospitalità del villaggio ed il suo fascino.

Per ulteriori informazioni contattare l’Autorità del Turismo della Thailandia, Ufficio di Chiang Mai, tel +66 (0)53 248604, (0)53 248607 – tatchmai@tat.or.th

Il Festival degli Ombrelli su You Tube: http://www.youtube.com/watch?v=9iilckCoS7Y

Share This

About the author

Thomas has a university background in the UK and in Latin America, with studies in Languages and Humanities, Culture, Literature and Economics. He started his Asian experience as a publisher in Krabi in 2005. Thomas has been editing local newspapers and magazines in England, Spain and Thailand for more then fifteen years. He is currently working on several projects in Thailand and abroad. Apart from Thailand, Thomas has lived in Italy, England, Venezuela, Cuba, Spain and Bali. He spends most of his time in Asia. During the years Thomas has developed a great understanding of several Asian cultures and people. He is also working freelance, writing short travel stories and articles for travel magazines. Follow Thomas on www.asianitinerary.com

View all articles by Thomas Gennaro